La prefettura di Foggia apre un’istruttoria sul Cara di Borgo Mezzanone. Dopo l’ennesimo episodio di violenza, il governo accedere i riflettori su quello che Eugenio Scalfari, fondatore de La Repubblica, ha definito “un inferno”. L’inchiesta della prefettura foggiana è scattata su input del ministro dell’Interno,Angelino Alfano. La vicenda sarà discussa dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica durante un vertice convocato in prefettura per le 17.

Mille esseri umani sono trattati come bestie e per ciascuno di loro le coop percepiscono 22 euro al giorno”, si legge su una recente inchiesta de L’Espresso. Gli inquirenti, intanto, non si sbilanciano: “Il problema c’è e lo affrontiamo da tempo, intervenendo attraverso le nostre attività di indagine. Come quella che ieri l’altro ha portato all’arresto di un ivoriano”.

La situazione di assoluto degrado è stata raccontata a l’Immediato da fonti interne al Cara. “Le proteste sono continue. Spesso le lezioni di italiano vengono svolte all’esterno, anche d’estate sotto al sole. Questo perché le aule sono occupate a causa del sovraffollamento. Tutto ciò scatena le ire dei presenti. A volte decine di migranti protestano all’esterno dei moduli abitativi, completamente nudi”.

 

 

Cara di Foggia, quell’inferno ci costa 11 milioni di euro all’anno

Dormitori stracolmi, con 1414 richiedenti asilo registrati. Condizioni disumane, eppure la coop cattolica “Senis Hospes” incassa quasi un milione al mese. Dopo la pubblicazione del reportage e l’intervento di Eugenio Scalfari, il ministro Alfano apre un’inchiesta

DI FABRIZIO GATTI

Cara di Foggia, quell'inferno ci costa 11 milioni di euro all'anno
Cara di Foggia, foto di Carlos Folgoso

Il costo per lo Stato del Centro di accoglienza di Foggia, quindi per tutti noi, è adesso una cifra precisa: la cooperativa cattolica “Senis Hospes”, che lo gestisce per conto del consorzio “Sisifo” della Lega Coop, incassa 31 mila 108 euro al giorno. Al giorno, sì. Anche se le condizioni disumane che abbiamo visto, fotografato e filmato corrisponderebbero a un servizio da pochi spiccioli . La spesa la si ricava dalle presenze confermate oggi dalla polizia: 1.414 richiedenti asilo registrati. Il numero comunque è aggiornato al 23 agosto, cioè vecchio di tre settimane. Moltiplicando gli ospiti ufficiali per il costo dell’appalto di 22 euro al giorno a persona, si ottiene quanto rende l’inferno: 933 mila euro al mese, 11 milioni l’anno. Ed è un calcolo per difetto. Perché l’emergenza fuori contratto può essere pagata fino a 30 euro al giorno a persona. E le immagini si commentano da sole.

Bene ha fatto questa mattina il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, dopo aver letto su “Repubblica” l’appello del fondatore Eugenio Scalfari e l’inchiesta su “l’Espresso” , a consultarsi con il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Nel corso di una lunga telefonata hanno deciso di avviare accertamenti immediati su quanto accade nella Cara di Borgo Mezzanone, a pochi chilometri da Foggia. Per ora, è solo un’indagine informale. Se l’assistenza ai richiedenti asilo è l’attività economica al momento più fiorente nel nostro Paese, è doveroso che il governo metta in campo tutte le forme di controllo a sua disposizione. La cooperativa che gestisce l’inferno di Foggia, la “Senis Hospes” di Senise in provincia di Potenza, ne è un esempio. Grazie agli appalti sui profughi in tutta Italia ha infatti aumentato il suo fatturato del 400 per cento in due anni: dai 3 milioni del 2012 ai 15, 2 milioni del 2014. E i dipendenti da 109 a 518. Non esistono imprenditori oggi, a parte la criminalità, con ricavi in crescita esponenziale. Per questo lo Stato non può permettersi di chiudere un occhio sulla spesa pubblica. O tutti e due. Come è avvenuto a Borgo Mezzanone. E qui la situazione rivelata dalla nostra inchiesta “Sette giorni all’inferno” chiama in causa direttamente la prefettura .

L’articolo 22 dello “Schema di capitolato di appalto per la gestione dei centri di accoglienza per immigrati” obbliga l’Ufficio territoriale del governo (Utg) alla massima vigilanza: «La prefettura-Utg svolge attività di controllo e monitoraggio sulla gestione dei Centri diretta a verificare il rispetto delle modalità di erogazione dei servizi…», è scritto, «nonché la garanzia della qualità, della quantità e delle caratteristiche dei beni forniti in esecuzione alla presente convenzione…».

Per capire quanto questo controllo fosse carente non da oggi ma da anni, basta leggere il rapporto di “Osservatoriomigranti.org ” pubblicato dopo una visita del 20 febbraio 2013, quando il gestore era la Croce rossa italiana: «Il Cara di Foggia Borgo Mezzanone presenta alcune peculiarità che lo rendono assolutamente unico. Il Cara è infatti una struttura “porosa”, all’interno della quale chiunque può intrufolarsi utilizzando uno dei numerosi varchi presenti lungo il perimetro del recinto. La situazione è senza dubbio aggravata dalla presenza, accanto alla struttura ufficiale, di un vero e proprio campo “informale” nato nei moduli abitativi abbandonati e mai dismessi sulla pista del vecchio aeroporto militare».

Già allora nemmeno le presenze erano certe: «Di fatto non si è in grado di quantificare il numero esatto di ospiti, dato che anche all’interno della struttura numerosi posti letto sembrano essere occupati da persone che non
avrebbero titolo all’accoglienza. Ciò alimenta l’insicurezza e rende molto complicata la gestione dell’ordine pubblico». Sono passati tre anni e l’immagine dell’Italia offerta ai richiedenti asilo appena sbarcati è sempre la stessa: un colabrodo.

 

 

 

 

 

Chi specula sui profughi

Un miliardo e 300 milioni: è quello che ha speso finora lo Stato per assistere le persone fuggite da Libia e Tunisia. Un fiume di denaro senza controllo. Che si è trasformato in business per albergatori, coop spregiudicate e truffatori

di Michele Sasso e Francesca Sironi

Erano affamati e disperati, un’ondata umana in fuga dalla rivoluzione in Tunisia e dalla guerra in Libia: fra marzo e settembre dello scorso anno l’esodo ha portato sulle nostre coste 60 mila persone. Profughi, accolti come tali dall’Italia o emigrati in fretta nel resto d’Europa: solo 21 mila sono rimasti a carico della Protezione civile. Ma l’assistenza a questo popolo senza patria è stata gestita nel caos, dando vita a una serie di raggiri e truffe. Con un costo complessivo impressionante: la spesa totale entro la fine dell’anno sarà di un miliardo e 300 milioni di euro. In pratica: 20 mila euro a testa per ogni uomo, donna o bambino approdato nel nostro Paese. Ma i soldi non sono andati a loro: questa pioggia di milioni ha alimentato un suk, arricchendo affaristi d’ogni risma, albergatori spregiudicati, cooperative senza scrupoli. Per ogni profugo lo Stato sborsa fino a 46 euro al giorno, senza verificare le condizioni in cui viene ospitato: in un appartamento di 35 metri quadrati nell’estrema periferia romana ne sono stati accatastati dieci, garantendo un reddito di oltre 12 mila euro al mese.

IN NOME DELL’EMERGENZA. Ancora una volta emergenza è diventata la parola magica per scavalcare procedure e controlli. Gli enti locali hanno latitato, tutto si è svolto per trattative privata: un mercato a chi si accaparrava più profughi. E il peggio deve ancora arrivare. I fondi finiranno a gennaio: se il governo non troverà una soluzione, i rifugiati si ritroveranno in mezzo alla strada.
In Italia sono rimaste famiglie africane e asiatiche che lavoravano in Libia sotto il regime di Gheddafi. La prima ondata, composta soprattutto da giovani tunisini, ha preso la strada della Francia grazie al permesso umanitario voluto dall’allora ministro Roberto Maroni. Ma quando Parigi ha chiuso le frontiere, lo stesso Maroni ha varato una strategia federalista: ogni regione ha dovuto accogliere un numero di profughi proporzionale ai suoi abitanti (vedi grafico a pag. 39). A coordinare tutto è la Protezione civile, che da Roma ha incaricato le prefetture locali o gli assessorati regionali come responsabili del piano di accoglienza. Ma, nella fretta, non ci sono state regole per stabilire chi potesse ospitare i profughi e come dovessero essere trattati. Così l’assistenza si è trasformata in un affare: bastava una sola telefonata per venire accreditati come “struttura d’accoglienza” e accaparrarsi 1.200 euro al mese per ogni persona. Una manna per centinaia di alberghi vuoti, ex agriturismi, case-vacanze disabitate, residence di periferia e colonie fatiscenti.

IL MERCATO DEI RIFUGIATI. Dalle Alpi a Gioia Tauro, gli imprenditori del turismo hanno puntato sui rifugiati. A spese dello Stato. Le convenzioni non sono mai un problema: vengono firmate direttamente con i privati, nella più assoluta opacità. Grazie a questo piano, ad esempio, 116 profughi sono stati spediti, in pantaloncini e ciabatte, dalla Sicilia alla Val Camonica, a 1.800 metri di altezza. I proprietari del residence Le Baite di Montecampione non sono stati i soli a fiutare l’affare. Anche nella vicina Val Palot un politico locale dell’Idv, Antonio Colosimo, ne ha ospitati 14 nella sua casa-vacanze, immersa in un bosco: completamente isolati per mesi, non potevano far altro che cercare funghi. I più furbi hanno trattato anche sul prezzo. La direttiva ufficiale, che stabilisce un rimborso di 40 euro al giorno per il vitto e l’alloggio (gli altri 6 euro dovrebbero essere destinati all’assistenza), è arrivata solo a maggio. Nel frattempo, la maggior parte dei privati aveva già ottenuto di più.
Gli albergatori napoletani sono riusciti a strappare una diaria di 43 euro a testa. Non male, se si considera che in 22 alberghi sono ospitate, ancora oggi, più di mille persone. «La domanda turistica al momento degli sbarchi era piuttosto bassa», ammette Salvatore Naldi, presidente della Federalberghi locale. La Protezione civile prometteva che sarebbero state strutture temporanee. Non è andata così: solo all’Hotel Cavour, in piazza Garibaldi, di fronte alla Stazione centrale, dormono tutt’ora 88 nordafricani. Le stanze, tanto, erano vuote: i viaggiatori si tengono alla larga, a causa dell’enorme cantiere che occupa tutta la piazza. Ma grazie ai rifugiati i proprietari sono riusciti lo stesso a chiudere la stagione: hanno incassato quasi 2 milioni di euro.
I richiedenti asilo però non sono turisti, ma persone che hanno bisogno di integrarsi. La legge prevede che ci siano servizi di mediazione culturale, che sono rimasti spesso un miraggio o sono stati appaltati a casaccio:«A Napoli sono spuntate in pochi mesi decine di associazioni mai sentite nominare», denuncia Jamal Qadorrah, responsabile immigrazione della Cgil Campania: «Ogni albergatore poteva affidare i servizi a chi voleva, nonostante ci sia un albo regionale degli enti competenti. Tutti, puntualmente, ignorati». Non solo. «A luglio di quest’anno abbiamo organizzato un incontro fra il Comune e gli albergatori», racconta Mohamed Saady, sindacalista della Cisl: «Diverse strutture non avevano ancora un mediatore». Ed era passato più di un anno dall’inizio dell’emergenza.

I FURBETTI DEL MONASTERO. Il business dei nuovi arrivati non ha lasciato indifferenti nemmeno i professionisti della solidarietà. Cooperative come Domus Caritatis, che gestisce otto comunità solo a Roma. Anche i suoi centri sono finiti nel mirino di Save The Children e del garante dell’infanzia e dell’adolescenza del Lazio. Dopo numerose segnalazioni l’ong è andata a controllare 14 strutture della capitale che si fanno rimborsare 80 euro al giorno per l’accoglienza di minori stranieri non accompagnati. Il risultato è un rapporto inquietante, presentato a maggio alla Protezione civile e al Viminale, che “l’Espresso” ha esaminato. Si parla di sovraffollamento, ma soprattutto di senzatetto quarantenni fatti passare per ragazzini scappati dalla Libia. Durante l’indagine sono stati intervistati 145 profughi. «Più di cento erano palesemente maggiorenni», denuncia l’autrice del rapporto, Viviana Valastro: «Quelli che avevo di fronte a me erano adulti. Altro che diciassettenni. Non posso sbagliarmi». Non solo. «Molti di loro erano in Italia da tempo, non da pochi mesi. Alcuni arrivavano dagli scontri di Rosarno».
Doppia truffa insomma: sull’età e sulla provenienza, per avere un rimborso più che maggiorato e intascare milioni di euro. Tutto questo da parte di una cooperativa strettamente legata all’Arciconfraternita del Santissimo Sacramento e di San Trifone e a La Cascina, la grande coop della ristorazione che tre anni fa è stata al centro di un’inchiesta per il tentativo di entrare nella gestione dei cpt.
Save The Children non è stata la sola a denunciare la situazione romana. Anche il presidente della commissione capitolina per la sicurezza, Fabrizio Santori, esponente del Pdl, ha dovuto occuparsi di Domus Caritatis. La cooperativa infatti gestiva una comunità che dava grossi problemi al vicinato, da cui arrivavano continue proteste. Santori l’ha visitata e si è trovato davanti ad alloggi di 35 metri quadri abitati da 10 persone. Peggio che in un carcere. Eppure gli appartamentini di via Arzana, a metà strada fra Roma e Fiumicino, più vicini all’aeroporto che alla città, permettevano di incassare più di 12 mila euro al mese.
Save The Children ha calcolato che in strutture di questo tipo, nella capitale, vivono quasi 950 persone. Dati incerti, perché solo cinque cooperative hanno accettato di fornirli. Domus Caritatis, dalla sua sede all’abbazia trappista delle Tre Fontane, non ha voluto dare alcuna informazione. Il dossier dell’ong internazionale descrive un caos assoluto: mancanza di responsabili, nessun servizio di orientamento e accompagnamento legale, strutture inadeguate.

ACCOGLIENZA ALLA MILANESE. Al Nord la situazione non cambia. A Milano si registrano casi come quello della ex scuola di via Saponaro, gestito dalla Fondazione Fratelli di San Francesco d’Assisi, che ha accolto 150 rifugiati. Ospitati in una comunità per la cura dei senzatetto, l’accoglienza dei minori e degli ex carcerati: 400 persone, con esigenze diverse, costrette a vivere sotto lo stesso tetto in una vecchia scuola. «Le condizioni sono orribili: 10-12 letti per ogni camerata. E pieni di pidocchi e pulci», racconta un ragazzo ancora ospite. Le stanze sono inadatte perché costruite per ospitare alunni, non profughi, né tantomeno clochard che vivono in strada. «Un contenitore della marginalità sociale dove sono frequenti le risse: nigeriani contro kosovari, ghanesi contro marocchini e la lista dei ricoverati in ospedale si allunga ogni giorno», racconta chi è entrato tra quelle mura. Anche il personale è ridotto al minimo con pochi mediatori culturali (che spesso sono ex ospiti che non disdegnano le maniere forti per mantenere l’ordine), un solo assistente sociale e una psicologa per dieci ore alla settimana. Troppo poche per chi ha conosciuto gli orrori della guerra, le botte della polizia libica e porta sulla propria pelle i segni delle violenze. Anche i disturbi psichici abbondano, insieme all’alcolismo dilagante.
A sette chilometri dai frati, 440 profughi hanno trovato alloggio a Pieve Emanuele, estrema periferia Sud di Milano. Qui sono stati ospitati nel residence Ripamonti, di proprietà del gruppo Fondiaria Sai, appena passata sotto il controllo di Unipol ma all’epoca saldamente in mano a Salvatore Ligresti. I clienti abituali dell’albergo sono poliziotti, guardie del vicino carcere di Opera o postini, che non bastano a riempire i 4 mila posti letto dell’albergo. Grazie all’emergenza però nelle settimane di massimo afflusso sono entrati nelle casse di Fonsai oltre 600 mila euro al mese. Vacanze forzate in alloggi confortevoli (le camere sono dotate anche di tivù satellitare) ma dove sono mancati completamente i corsi per imparare l’italiano o l’assistenza legale e psicologica. «Si poteva trovare una sistemazione più modesta e investire in altri sussidi» dice, banalmente, un ragazzo del Ghana. Oggi a Pieve Emanuele sono rimasti in 80. Ma nel frattempo al residence sono andati quasi sette milioni di euro.

PER UN PIATTO DI RISO.
Lo Stato ha speso per l’emergenza 797 milioni di euro nel 2011 e altri 495 milioni nel 2012. Solo una parte è servita per l’accoglienza: centinaia di milioni di euro sono finiti in tendopoli, spostamenti, trasferte, rimborsi agli uffici di coordinamento. Fondi di cui si è persa la traccia. E sì che proprio per il buon uso dei soldi pubblici era stato istituito un “Gruppo di monitoraggio e assistenza”, con il compito di visitare le strutture e segnalare i casi critici. Ma della task force degli ispettori dopo pochi mesi non si è saputo più nulla. «Noi facevamo parte del progetto ma da ottobre 2011 non siamo più stati convocati. Considerando che è partito ad agosto, il gruppo è durato meno di tre mesi», spiega a “l’Espresso” Laura Boldrini, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati: «È mancato completamente il controllo da parte delle regioni e delle prefetture». La Corte dei conti della Calabria è andata oltre: ha messo nero su bianco che le convenzioni sottoscritte nella regione sono illegittime, perché non sono state sottoposte al controllo preventivo della Corte, obbligatorio anche nell’emergenza. Non solo. I giudici contabili di Catanzaro definiscono “immotivata” la diaria: 46 euro al giorno sono troppi. E pensare che in provincia di Latina sono riusciti a intascarseli quasi tutti spendendo solo 5 euro al giorno, per garantire a 75 profughi un misero piatto di riso. I cinque avidi gestori della cooperativa Fantasie sono stati arrestati dai carabinieri di Roccagorna. Insospettiti dall’aumento di stranieri in paese, i militari sono arrivati ad un casolare dove hanno trovato 46 persone alloggiate in 70 metri quadri. Nonostante il blitz la cooperativa ha continuato a ricevere i contributi della Regione Lazio per altri sei mesi: una truffa da 400 mila euro. Con le stesse risorse Aurelio Livraghi, volontario della Caritas di Magenta, in provincia di Milano, è riuscito a fare tutt’altro. «Milioni di italiani vivono con 1.200 euro al mese, perché loro no?». Osservazione semplice. Di un pensionato, che ha dedicato ai 35 profughi arrivati in paese le sue giornate. Persone oggi indipendenti: pagano un affitto, fanno la spesa, quattro di loro hanno già un lavoro. Recitano anche in teatro. Una vita normale: altro che emergenza. E quando finiranno i fondi? «Potranno andare avanti almeno un po’ perché sono riuscito a fargli mettere da parte dei risparmi». Non era difficile, sarebbe bastato un minimo di organizzazione. E di umanità.

 

Annunci