Regione Puglia: il caso degli agenti di polizia provinciale „Regolarmente retribuiti ma senza un impiego: è

Dal primo gennaio sono entrati nell’organico della Regione Puglia. Gli agenti continuano ad essere retribuiti dalla Regione Puglia, senza però esercitare competenza alcuna“

Regione Puglia: il caso degli agenti di polizia provinciale
In servizio ma senza un progetto, un impegno, una funzione. In alcuni casi, senza nemmeno una sala, un ufficio, dove accomodarsi. Uno spreco di capacità professionali, e di denaro pubblico, non più tollerabile. È la situazione professionale di 85 ex agenti della polizia provinciale che, dal 1° gennaio 2016, sono entrati nell’organico della Regione Puglia. La firma del contratto individuale è stata sottoscritta a fine luglio ma, ad oggi, non è stato ancora definito l’impiego degli ex poliziotti provinciali. Per contro, gli agenti continuano ad essere retribuiti dalla Regione Puglia, senza però esercitare competenza alcuna.

Così Biagio D’Alberto, segretario generale della Fp Cgil: “Una situazione paradossale in un periodo di ristrettezze come questo perché si bruciano, in modo approssimativo, sia denaro pubblico che capacità professionali enormi, indispensabili sul territorio. Soprattutto, una situazione frustrante per tanti lavoratori a cui, in otto mesi, non è stato presentato né un progetto, né un impiego, né una funzione”

D’Alberto inoltre sottolinea: “A Lecce, per di più, 16 poliziotti dell’ex provincia da oltre un mese trascorrono la loro giornata lavorativa nella sala conferenza della Regione Puglia, vista l’impossibilità dell’amministrazione provinciale di ospitare il personale, in attesa di organizzare il servizio”.

I lavoratori evidenziano “la perdita di diverse indennità, al momento non riconosciute: indennità di vigilanza, di turno, reperibilità, indennità di rischio e specifiche responsabilità che, nel complesso, creano disagio economico ai singoli lavoratori e alle loro famiglie”. Di qui la richiesta del sindacato di un incontro urgente in Regione per definire, quanto prima, l’organizzazione del servizio a cui destinare le professionalità dell’ex polizia provinciale.

http://www.foggiatoday.it/cronaca/agenti-polizia-provinciale-regione-puglia.html

 
Commenti:

qualche mese fa l’inossidabile On Cera ed il suo figliolo, figlio d’arte e portatore del roboante nome di Napoleone,hanno organizzato e parlato in un convegno sul tema del distacco tra la Politica e la Pubblica Opinione. Credo che la lettura di queste notizie sia molto più efficacie dei convegni-vetrina ed è una dimostrazione evidente come la classe dirigente a cui appartengono i su nominati personaggi, insieme con tanti consimili abbiano minato il rapporto di fiducia con il “popolo” . I normali cittadini, non fortunati per aver lavorato nella PA, e magari freddamente estromessi dal mondo del lavoro per motivi semplicemente economici, sono indignati e ulteriormente delusi per questo sperpero di denaro pubblico. io che sono libero profeessionista, son bene, a conti fatti, che fino a giugno devo lavorare (quando lavoro, e quando mi pagano) per le istituzioni, da luglio in poi, sono alla canna per le bollette e rate di mutuo.“

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...