RASSEGNA STAMPA_Press Review

The real voyage of discovery consists not in seeking new landscapes, but in having new eyes (MP)

Italia

Puglia, la truffa dei treni più cari del mondo

25 convogli usati acquistati in Germania a 900 mila euro, poi ristrutturati in Polonia per 22 milioni. “Società fantasma dietro l’affare: sospette tangenti a politici”. La Regione: “Ferrovie Sud Est da commissariare”. La Varsa: “Nessuna irregolarità”

di GIULIANO FOSCHINI

26 ottobre 2014

BARI . Bisogna venire qui in Puglia per provare un’esperienza straordinaria: il viaggio sul treno più costoso del mondo. Pagato 900mila euro in Germania, è stato riacquistato dopo nemmeno un anno, ristrutturato, da una società polacca per 22 milioni e 500 mila euro. Ma gran parte di questi soldi arrivavano da fondi pubblici.

Un incredibile “affare” da cui è partita l’inchiesta della procura di Bari sulle Ferrovie Sud est, azienda interamente del Ministero dei trasporti, che ha in concessione più di 500 chilometri di ferrovie pugliesi. I reati ipotizzati vanno dalla truffa, all’abuso di ufficio, ma gli uomini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Bari sospettano anche che dietro questo vorticoso giro di denaro si nasconda “una tangente per la politica e per la burocrazia”.

La storia nasce nel 2009 in seguito a un normale controllo fiscale dell’Agenzia delle Entrate. Viene fuori che le Sud est hanno acquistato per 912 mila euro 25 carrozze passeggeri dismesse da due distinte società tedesche. Poco dopo vengono però vendute a una società polacca, la Varsa, nello stesso stato. Ma con un prezzo diverso: sette milioni di euro. Sembra un grande affare per le Ferrovie ma in realtà qualcosa non funziona. Perché pochi mesi dopo le stesse carrozze vengono vendute dalla Varsa alle Fse, seppur questa volta ristrutturate. Ma a un prezzo molto maggiore. Molto, anzi troppo: ventidue milioni e mezzo di euro, precisamente. “Ci troviamo di fronte a una delle ristrutturazioni più costose della storia”, scherza oggi, ma non troppo, un investigatore. Secondo una perizia infatti il prezzo è stato nella migliore delle ipotesi raddoppiato rispetto ai reali valori di mercato.

Non c’è poi molto da sorridere anche perché la Varsa non è esattamente un colosso del settore. Anzi, in realtà non ce l’ha un settore. Perché nella sua vita questa azienda creata in Polonia qualche giorno prima di chiudere il primo affare (è registrata alla camera di commercio locale il 29 dicembre del 2006) da un italiano, Marco Mazzocchi, oggi indagato, nella sua vita ha fatto soltanto questo affare con le Sud Est. Più un altro, sempre con i treni, sempre con le Sud Est.

Le ferrovie regionali nel 2009 hanno comprato infatti, sempre da un’azienda polacca, 27 treni nuovi questa volta per circa 50 milioni di euro. Si tratta di un’azienda seria, che realizza i treni Pesa. Ma anche in questo caso interviene la Varsa facendo “attività di consulenza”, si legge negli atti. Un’attività di mediazione che viene riconosciuta con 11 milioni e 369mila euro. Circa il 20 per cento dell’affare.

Insomma tante, troppe circostanze strane. Che rafforzano la convinzione della Finanza che la Varsa sia soltanto una scatola vuota, uno schermo societario, essendo priva di una struttura aziendale, creata unicamente per ottenere i fondi erogati dalla Regione e dall’Unione Europea. Dietro alla quale in realtà si nasconderebbe qualcun altro, che al momento non è stato però ancora individuato. La Regione sta cercando ora di mettere una pezza. Dopo aver ricevuto una serie di visite da parte della Finanza e aver saputo del primo avviso di garanzia all’attuale numero uno delle Fse, Luigi Fiorillo (contattato il suo legale ha preferito per il momento non rispondere), chiese al governo Monti (allora il ministro delle Infrastrutture era Corrado Passera) il commissariamento dell’ente, ottenendo però risposta negativa. A quel punto, dopo un audit interno, hanno inviato (due mesi fa) una relazione alla Commissione europea che ha erogato il finanziamento che ora potrebbe essere restituito.

Aggiornamento del 14 novembre, ore 12
Le accuse degli inquirenti vengono però respinte dalla società Varsa. “La società – fanno sapere i loro legali Giuseppe La Rosa e Jacek Bieniak – non ha mai venduti treni alle Ferrovie Sud Est ma solo vagoni dopo attività di revamping. Non abbiamo poi venduto 25 treni ma solo 25 vagoni mentre i rimanenti 15 sono stati acquistati da una società di leasing appartenente a uno dei maggiori gruppi bancari italiani di caratura internazionale. La Varsa – continuano pii – non ha mai richiesto nè tantomeno ottenuto fondi comunitari nè alcun fondo regionale”. La Finanza sostiene poi che l’azienda sia nata appositamente per l’affare. “Falso – rispondo – siamo nati nel 2005 e da ormai nove anni occupiamo dipendenti e collaboratori mantenendo rapporti commerciali con numerosi contraenti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: