Dalla Calabria alla Valtellina, da Roma a Treviso, c’è una parte del Paese che si oppone ad ogni tipo di accoglienza, accusa chi ospita di farlo solo per il proprio interesse, manda biglietti intimidatori e in certi casi arriva a scatenare raid incendiari

 

Annunci