Trapani: Mafia e Massoneria si spartiscono la città

L’articolo che segue è tratto da tp24.it ed è firmato da Egidio Morigi:

Essere massoni non è reato” dice Stefano Bisi del Grande Oriente d’Italia. E non ha torto. Se lo fosse, avremmo avuto 500 potenziali soggetti da arrestare nella sola provincia di Trapani. Ciò che invece interessa gli inquirenti è semmai quanto questi gruppi di persone possono influire sulle attività amministrative e il funzionamento degli enti pubblici.  C’è un dossier che viene fuori da un’indagine portata avanti dal procuratore di Trapani Marcello Viola e dai suoi sostituti, sull’influenza e il condizionamento della massoneria (o meglio, di una sua parte) nel territorio. Si tratta – ne abbiamo già parlato diffusamente – di un documento che la sezione informativa della Digos ha inviato alla Prefettura, in cui da una parte si ripercorre la vicenda di Iside2, la loggia trapanese segreta (e quindi illegale) scoperta nel 1986, di cui facevano parte l’ex ministro Udc Calogero Mannino, il deputato regionale Dc Francesco Canino (morto nel 2014) e il parlamentare nazionale Aldo Bassi (morto nel 2004). Era la loggia che accoglieva mafiosi come Natale L’Ala e Mariano Agate ed altri indiziati mafiosi come Calogero Atria, Gioacchino Calabrò, Giuseppe Mandalari, Antonino Melodia. Ma v’erano anche vice prefetti, vice questori, bancari, consiglieri comunali e provinciali, ex sindaci, imprenditori. Insomma, tutta la Trapani che contava. E’ una sorta di disamina del passato relativo alle ormai note vicende verificatesi nella provincia di allora

 Il dossier, nella sua seconda parte, parla invece di 19 logge (in realtà potrebbero essere di più) presenti attualmente nella città di Trapani e nella sua provincia. 6 di queste opererebbero tutte a Castelvetrano.

In queste ci sono assessori ed ex consiglieri comunali della città.

C’è il vicesindaco Giuseppe Rizzo (presente in due logge: “Francisco Ferrer 908” di Castelvetrano e “Giordano Bruno” di Salemi), nominato assessore dal sindaco Felice Errante nel luglio 2014, in modo da permettere l’ingresso in consiglio di Calogero Giambalvo (il discusso consigliere primo dei non eletti del Fli, poi arrestato per mafia ed in seguito assolto, intercettato a millantare amicizia e vicinanza con il superboss Matteo Messina Denaro).

C’è l’assessore Salvatore Stuppia (loggia “Italo Letizia 345”), nominato a sorpresa della giunta Errante, con una nomina accettata senza condividere la scelta col Pd (ormai in rotta col sindaco), che poi lo ha cacciato dal partito.

C’è anche l’assessore Girolamo Signorello (loggia “Francisco Ferrer 908”).

Il nome dell’assessore Enzo Chiofalo invece, anche se non risulta iscritto in nessuna delle sei logge attualmente operanti, spunta invece in una fantomatica loggia all’obbedienza di piazza del Gesù, chiamata “Italo Letizia”. I componenti di questa loggia sarebbero stati truffati da alcuni “fratelli” della vecchia “Iside 2” che avrebbero proposto loro l’iniziazione per l’inserimento. Il tutto prese il via nel 2006, in seguito all’arrivo in questura di un esposto anonimo firmato “Veri massoni stanchi”.

Tra gli (ormai ex) consiglieri comunali, troviamo invece nelle logge attualmente operanti:

Salvatore Ingrasciotta (loggia “Demetra 240”), il più votato di tutti alle scorse amministrative con 448 voti, Piero Barresi e Gaetano Accardo (loggia “Enoch 238”), Tommaso Bertolino(inscritto a due logge: “Oriente” di Castelvetrano e “Giordano Bruno” di Salemi), Piero D’Angelo e Maurizio Piazza (loggia “Francisco Ferrer 908”).

C’è Bartolomeo La Croce (anche lui inscritto a due logge “Oriente”di Castelvetrano e “Garibaldi” di Mazara del Vallo) portato alla ribalta nazionale da Le Iene, mentre si scaglia contro l’inviato Filippo Roma che cerca di intervistare Giambalvo. Forse tra i pochi massoni ad aver subito un pubblico rimprovero a causa di un comportamento sconveniente. Qualche giorno dopo l’uscita del servizio su Italia Uno, il presidente Cafiso si trovò infatti costretto a fargli la ramanzina durante un consiglio comunale. Un “teatrale” rimprovero per lui e per l’altro collega Francesco Bonsignore, colorato personaggio che però non risulta inscritto a nessuna delle sei logge castelvetranesi presenti nel dossier della questura.

 Negli elenchi troviamo anche il “fratello di un fratello”. Si tratta di Antonino Lo Sciuto. Un “fratello” della loggia “Hipsas” del Grand Orient de France, che però è anche il fratello del deputato regionaleGiovanni Lo Sciuto, componente della Commissione Parlamentare Antimafia della Regione Siciliana e “nuovo alleato” del sindaco Errante, facendo parte entrambi da un po’ di tempo dello stesso partito (Ncd).

 Ma tra i “fratelli” di spicco, oltre a quelli collegati in modo più o meno indiretto alla politica di Palazzo Pignatelli, ce ne sono tanti altri, molto conosciuti in diversi ambiti:

Felice Crescente (dirigente Unità 176 Condotta Agraria) è maestro venerabile della “Loggia Demetra 240”.

Nicola Li Causi, della loggia “Demetra 240”, figlio del compianto Vito Li Causi ed amministratoredel poliambulatorio specialistico “Multimedical” inaugurato l’anno scorso.

Domenico Lombardo (“Demetra 240”), ex dipendente della Gruppo 6 Gdo. Oggi segretario del Partito Socialista di Castelvetrano e presidente della cooperativa Terramia alla quale è stato affidato l’opificio confiscato al re dei supermercati Despar Giuseppe Grigoli.

Nicolò Miceli (“Demetra 240”), presidente del Club Unesco di Castelvetrano.

Francesco Seidita (“Demetra 240”), ingegnere del progetto Medcot per il comune di Castelvetrano, sulla trasformazione della posidonia spiaggiata in compost.

Francesco Vasile (“Demetra 240”), avvocato del Comune di Castelvetrano.

Orazio La Monaca (“Francisco Ferrer 908”), pluripremiato architetto del Comune di Castelvetrano.

Silvestro Perrone e Antonio Pizzo (entrambi dell’Hipsas), imprenditori dell’associazione Libero Futuro.

Abbiamo poi tutti i membri del direttivo del Collegio dei Rossi, l’associazione che si occupa di eventi culturali e presentazione di libri. Fanno parte della stessa loggia (“Enoch 238”): il presidenteNicola Cascio Ingurgio, il vice presidente Davide Brillo, il segretario Giuseppe Pappalardo ed il tesoriere Pietro La Cascia (ex assessore della giunta Pompeo). E’ l’associazione no profit che si è occupata anche della presentazione di Euploia, il pregevole volume del Soprintendente del Mare della Regione Siciliana Sebastiano Tusa. L’edizione del libro è diAngelo Mazzotta, massone della stessa loggia.

Anche il Centro Commerciale Naturale ha una suo ombrello massonico, dal momento che il presidente Giovanni Messina Denaro e i tecnici della Nastasi Consulting fanno parte della loggia “Oriente”.

 Nella loggia “Italo Letizia 345” c’è anche un giornalista di Menfi: Pietro Capizzi, collaboratore del Giornale di Sicilia, di Tele Radio Sciacca e addetto stampa della Cantina Settesoli. E’ la stessa loggia del castelvetranese Leonardo Ciulla, ingegnere gestionale della Settesoli. Ed è con la Settesoli che quest’anno il Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana ha firmato il primo contratto di sponsorizzazione per il parco archeologico di Selinunte. Mentre, qualche mese fa, la nomina di “Custode dell’identità territoriale Genius Loci” da parte della Libera Università Rurale “Saper&Sapori” è toccata a Francesca Capizzi, figlia di Pietro (anche lei giornalista) che succede al sindaco di Campobello di Mazara Giuseppe Castiglione, che ha custodito l’identità territoriale nel 2015.

Nell’intera provincia (almeno dagli elenchi del dossier) le “sorelle” sono una decina, sei delle quali appartengono a logge operanti a Castelvetrano.

E poi c’è una coppia in cui marito e moglie appartengono entrambi alla massoneria, ma in due logge diverse: lei nella “Hipsas” di Castelvetrano e lui nella “Philadelphion” di Mazara del Vallo.

Infine troviamo anche due poliziotti: Giuseppe Gucciardo (“Francisco Ferrer 908”) eMichele Tortorici (“Hipsas”)

Certo, il fatto che il dossier contenga anche la lista degli appartenenti (non riportata in questo articolo) alla vecchia loggia illegale trapanese (Iside2) scoperta negli anni ’80, aveva ingenerato in alcuni massoni di oggi (regolarmente registrati alla questura) una legittima indignazione nel vedere i propri nomi accostati a quelli dei mafiosi. Ribadendo quindi che l’appartenenza ad una loggia massonica (non coperta) è garantita dalla stessa Costituzione, pubblichiamo di seguito l’elenco degli iscritti alle sei logge di Castelvetrano, che rimane comunque non esaustivo rispetto al panorama massonico del territorio.

Quasi 200 dei 460 massoni della provincia di Trapani sono castelvetranesi. Ai cittadini non rimane che sperare nella loro positiva influenza sul benessere della collettività. Magari i “poteri forti” potrebbero riuscire laddove i “poteri morti” hanno fallito.

ITALO LETIZIA 345

Appartenente alla Massoneria Universale

La serenissima gran loggia nazionale italiana rito scozzese

  • PISANI Donato Maria, nato a Castelvetrano il 02/08/1956. Funzionario amministrativo ASL Castelvetrano. MAESTRO VENERABILE;

  • CAPIZZI Pietro, nato a Menfi (AG) il 19/04/1957. Giornalista pubblicista GdS e TRS di Sciacca, impiegato e addetto stampa presso cantine Settesoli di Menfi;

  • CARONNA Giovanni, nato a Castelvetrano il 29/04/1964. Commercialista con studio proprio;

  • CIULLA Leonardo, nato a Castelvetrano il 18/01/1975. Ingegnere gestionale presso Cantina Settesoli – Menfi;

  • CICALA Giuseppe, nato a Trapani il 18/09/1962. Con nota datata 12/01/2015 comunicava per conoscenza alla Questura di aver presentato le dimissioni dalla suddetta loggia;

  • GIACALONE Stefano, nato a Santa Ninfa il 23/04/1953. Imprenditore edile.

  • CICALA Andrea, nato ad Erice il 29/04/1991, dimessosi in data 12/01/2015;

  • NICETA Filippo, nato a Palermo il 09/07/1952. Bancario in pensione;

  • SIGNORELLO Antonino, nato a Castelvetrano il 20/06/1959. Impiegato;

  • SIGNORELLO Vincenzo, nato a Castelvetrano il 18/08/1953. Rappresentante;

  • STUPPIA Salvatore, nato a Mazzarino (CL) il 15/12/1959. Medico dermatologo;

  • MISTRETTA Simone, nato a Castelvetrano il 22/07/1967. Infermiere presso ospedale di Castelvetrano;

  • VIRTUOSO Enrico Salvatore, nato a Caracas (Venezuela), il 27/02/1963. Infermiere professionale;

  • VALENTI Gaspare, nato a Baden (Svizzera) il 22/06/1969. Appartenente Ministero delle Finanze (G.D.F.);

  • MESSINA DENARO Francesco, nato a Castelvetrano il 18/08/1961. Impiegato

  • MAURO Biagio, nato a Trapani il 06/07/1967. Infermiere presso ospedale Castelvetrano;

  • BONDI Melchiorre, nato a Castelvetrano il 28/01/1969. Insegnante;

  • BENTIVEGNA Fabio, nato a Sciacca (AG) il 14/01/1973;

  • NOVARA Francesco, nato a Trapani il 18/06/1967.

DEMETRA 240

Appartenente alla Gran Loggia Regolare d’Italia degli antichi, Liberi ed Accettati Muratori,

con sede a Roma, obbedienza Gran Loggia Regolare di Sicilia

  • ACCARDO Simone, nato a Castelvetrano il 20/07/1967;

  • ANCONA Gaspare, nato a Castelvetrano il 30/06/1973;

  • BONSIGNORE Giovanni, nato a Castelvetrano il 26/08/1959;

  • CATALANOTTO Francesco, nato a Castelvetrano il 03/08/1975;

  • CRAPAROTTA Giovanni, nato a Castelvetrano il 21/10/1960;

  • CRESCENTE Felice, nato a Castelvetrano il 16/12/1960. MAESTRO VENERABILE;

  • FERRO SALVATORE, nato a Castelvetrano il 16/01/1957;

  • FONTANELLI Gaspare, nato a Castelvetrano il 13/01/1962;

  • FONTANELLI Giuseppe, nato a Castelvetrano il 19/10/1989;

  • GORGONE Domenico Fabrizio, nato a Palermo il 06/08/1971;

  • GRAFFEO Vincenzo nato a Castelvetrano il 19/04/1973;

  • INGRASCIOTTA Salvatore, nato a Castelvetrano il 23/01/1968;

  • LA GRASSA Giuseppe, nato a Castelvetrano il 16/05/1973;

  • LI CAUSI Nicola, nato a Castelvetrano il 27/06/1975;

  • LOMBARDO Domenico, nato a Castelvetrano il 22/081960;

  • MAPELLI Francesco, nato a Castelvetrano il 22/07/1984;

  • MICELI Nicolò, nato a Castelvetrano il 02/08/1955. MAESTRO VENERABILE

  • REPOLLINO Carmelo, nato a Butera il 04/08/1974;

  • RISALVATO Giovanni, nato a Castelvetrano il 05/06/1974;

  • RIZZO Giovanni, nato a Castelvetrano il 29/07/1966;

  • SALLUZZO Gaspare, nato a Castelvetrano il 20/03/1956;

  • SCANDALIATO Nicolò, nato a Castelvetrano il 02/09/1969;

  • SCATURRO Francesco, nato a Salemi il 12/11/1980;

  • SCHIFANO Giuseppe, nato a Ribera il 16/091979;

  • SEIDITA Francesco, nato ad Erice il 08/05/1976;

  • SVIZZERO Santo, nato a Castelvetrano il 25/02/1965;

  • VASILE Francesco, nato a Castelvetrano il 28/03/1965;

  • VENEZIA Piero Maria, nato a Castelvetrano il 04/08/1971;

  • VITRANO Giuseppe, nato a Palermo il 22/08/1973;

  • VIZZINISI Fabio nato a Castelvetrano il 24/10/1964;

ENOCH 238

Appartenente alla Gran Loggia Regolare d’Italia degli antichi, Liberi ed Accettati Muratori,

con sede a Roma, obbedienza Gran Loggia Regolare di Sicilia

  • SCIUTO Pasquale, nato a Castelvetrano il 06/10/1959. MAESTRO VENERABILE

  • CASCIO INGURGIO Nicola, nato a Castelvetrano il 13/05/1963;

  • MAZZOTTA Angelo, nato a Castelvetrano il 22/10/1938;

  • LA ROCCA Danilo, nato a Castelvetrano il 15/07/1958;

  • BARRESI Pietro, nato a Castelvetrano il 02/11/1972. Ex consigliere comunale di Castelvetrano;

  • LUPPINO Gianvito, nato a Campobello di Mazara il 27/06/1969;

  • ALAIMO Alessandro, nato a Palermo il 30/10/1971;

  • GIGLIO Salvatore (detto Rino) nato a Castelvetrano il 05/09/1957;

  • PALAZZOTTO Giancarlo, nato a Castelvetrano il 19/03/1974;

  • ACCARDO Gaetano Salvatore, nato a Castelvetrano il 22/04/1960. Ex consigliere comunale di Castelvetrano;

  • LA CASCIA Pietro, nato a Castelvetrano nato a Castelvetrano il 14/01/1970;

  • SPINA Giuseppe, nato a Mazara del Vallo il 18/07/1982;

  • PAPPALARDO Giuseppe, nato a Catania il 30/01/1962;

  • GRIMALDI Domenico Giovanni, nato a Castelvetrano il 11/09/1981;

  • BRILLO Davide, nato il 30/04/1986;

  • GORGONE Fabrizio Domenico, nato a Palermo il 06/08/1971

ORIENTE

Appartenente alla Gran Loggia d’Italia degli antichi, Liberi ed Accettati Muratori,

Massoneria Universale di rito scozzese antico ed accettato

Obbedienza di Piazza del Gesù, Palazzo Vitelleschi

  • ANCONA Giuseppe, nato a Castelvetrano il 31/01/1951;

  • BERTOLINO Tommaso, nato a Baden (Svizzera) il 20/10/1965;

  • BUA Domenico, nato a Palazzo Adrano (PA) il 04/07/1986;

  • BUA Giacomo, nato a Palazzo Adrano (PA) il 15/11/1975;

  • BUCERI Saverio, nato a Menfi (AG) il07/01/1958;

  • DI GREGORIO Paolo, nato a Mazara del Vallo il 03/11/1969;

  • DI PIETRA Francesco, nato a Campobello di Mazara il 21/11/1955;

  • DI PIETRA Giuseppe, nato a Mazara del Vallo il 16/03/1990;

  • DI PRIMA Vincenzo, nato a Castelvetrano il 03/06/1971;

  • DI STEFANO Vincenzo, nato a Campobello di Mazara il 28/02/1965

  • DRAGO Giovanni, nato a Salemi il 14/03/1974;

  • ERDFELD Omero, nato a Pisino (Croazia) il 20/12/1947

  • ERRANTE Adriano, nato a Castelvetrano il 27/06/1980;

  • FABUOZZO Antonino, nato a Napoli il 13/12/1974;

  • FERRARO Antonino, nato a Castelvetrano il 19/02/1988;

  • INGARGIOLA Giovanni, nato a Castelvetrano il 03/02/1957;

  • LA CROCE Bartolomeo, nato a Castelvetrano il 16/08/1954;

  • LO CASTRO Vito, nato a Salemi il 03/10/1969;

  • MESSINA DENARO GIOVANNI, nato a Castelvetrano il 04/05/1972;

  • MONTALBANO Maurizio, nato a Castelvetrano il 11/11/1968;

  • NASTASI Pietro, nato a Castelvetrano il 06/08/1975;

  • NASTASI Santo, nato a Castelvetrano il 22/05/1951;

  • NASTASI Vincenzo, nato a Castelvetrano il 15/10/1970;

  • ODDO Francesco, nato a Palermo il 24/03/1976;

  • PANZINI Elisa, nata ad Ancona il 03/01/1964;

  • POLLINA Giuseppe Massimo, nato a Castelvetrano il 16/04/1970;

  • SARDO Ornella, nata a Marsala il 09/03/1960;

  • SCIRE’ Marco, nato a Torino il 28/12/1979;

  • SESSA Francesco, nato a Ribera (AG) il 25/12/1978;

  • TARDIA Davide Romeo, nato ad Erice il 13/02/1972;

FRANCISCO FERRER 908

Massoneria Italiana Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani (G.O.I.)

  • ABATE Carmelo, nato a Castelvetrano il 05/11/1951;

  • BARRESI Alfredo, nato a Castelvetrano il 05/07/1953;

  • BATTAGLIA Giuseppe, nato a Trapani il 16/11/1958;

  • BONSIGNORE Giovanni, nato a Castelvetrano il 09/10/1942;

  • CESARE Lorenzo, nato a Partanna il 03/12/1970;

  • D’Angelo Piero, nato a Castelvetrano il 22/07/1958;

  • DE LUCA Mario, nato a Orzinuovi il 06/12/1970;

  • DE SIMONE Giovanni, nato a Castelvetrano il 22/05/1932;

  • DITTA Leonardo, nato a Calatafimi il 23/05/1957;

  • ERRANTE Giuseppe, nato a Castelvetrano il 24/11/1976;

  • GERMILLI Claudio, nato a Castelvetrano il 25/11/1954;

  • GIGANTE Giovanni, nato a Palermo il 10/10/1965;

  • GUCCIARDO Giuseppe, nato a Castelvetrano il 26/06/1974

  • LA MONACA Orazio, nato a Castelvetrano il 25 11/1957;

  • LUCENTINI Domenico, nato a Castelvetrano il 01/06/1944;

  • MALTESE Vito, nato ad Alcamo il 20/04/1963;

  • MANUGUERRA Francesco, nato a Gela il 03/01/1967;

  • MARCANTONIO Gaetano, nato a Trapani il 11/07/1965;

  • MICELI Vito, nato a Castelvetrano il 01/02/1933;

  • MISTRETTA Silvio, nato ad Erice il 06/08/1979;

  • MONTELEONE Salvatore, nato a Castelvetrano il 18/07/1961;

  • PAOLA Quintino, nato a Castelvetrano il 28/08/1956;

  • PIAZZA Giuseppe, nato a Castelvetrano il 08/01/1969;

  • PIAZZA Maurizio Silvestro, nato a Castelvetrano il 17/09/1962;

  • PISCIOTTA Giacomo, nato a Marsala il 22/06/1968;

  • PISCIOTTA Tommaso, nato a Castelvetrano il 06/11/1936;

  • RIZZO Gaspare, nato a Castelvetrano il 28/06/1935;

  • RIZZO Giuseppe, nato il 12/01/1975. Assessore e vicesindaco di Castelvetrano;

  • RIZZUTO Lorenzo, nato il 26/01/1975;

  • RUISI Giovanni, nato il 17/12/1963;

  • SCIABICA Santo Giuseppe, nato il 09/12/1969;

  • SCIACCA Leonardo, nato a Castelvetrano il 23/06/1956;

  • SCIACCOTTA Filippo, nato a Castelvetrano il 04/06/1960;

  • SCIORTINO Lucio, nato a Castelvetrano il 05/09/1963;

  • SIGNORELLO GIROLAMO, nato a Castelvetrano il 17/10/1958. Assessore al Comune di Castelvetrano;

  • TAMBURELLO Salvatore, nato ad Erice il 04/08/1968;

  • TRIOLO Giampiero, nato a Castelvetrano il 18/12/1955;

  • TRUSCELLI Pietro, nato a Castelvetrano il 06/08/1940;

  • VETRANO Vincenzo, nato a Castelvetrano il 09/11/1965;

  • VIOLA Graziano, nato il 08/06/1974;

  • VIVIANO ANDREA, nato a Partanna il 24/02/1959;

  • ZINNANTI Baldassare, nato a Partanna il 13/05/1962

  • ZINNANTI Sebastiano, nato il 02/05/1956.

HYPSAS

Massoneria aderente al G.O.D.F. (Grand Orient De France)

  • BULGARELLO Angelo, nato a Partanna il 18/11/1967;

  • CALANDRINO Leonardo, nato a Castelvetrano il 01/02/1962;

  • CIRAVOLO Biagio, nato a Sciacca il 23/09/1966;

  • CIRRINCIONE Benedetto, nato a Castelvetrano il 13/06/1951;

  • DRAGO Giuseppe, nato a Castelvetrano il 28/05/1973;

  • ERRANTE Beniamino, nato a Castelvetrano il 02/05/1971;

  • FERRARA Domenico, nato a Castelvetrano il 09/08/1964;

  • GIOIA Francesco, nato a Palermo il 29/09/1988;

  • GIOIA Giuseppe, nato a Castelvetrano il 18/04/1957;

  • GULOTTA vincenzo, nato a Santa Margherita Belice (AG) il 07/02/1958;

  • BELLINA Paolo Italia, nato a Castelvetrano il 06/01/1967;

  • LABRUZZO Emiliano, nato a Mazara del Vallo il 03/08/1978;

  • LA CROCE Francesco, nato a Castelvetrano il 25/09/1963;

  • LO SCIUTO Antonino, nato a Castelvetrano il 04/12/1964. Fratello del deputato regionale Lo Sciuto Giovanni;

  • LOMBARDO Saverio, nato ad Erice il 21/06/1975;

  • MAGRO Gaspare, nato a Caltagirone il 05/06/1965;

  • MARCHESE Annamaria, nata a Salemi il 22/06/1972;

  • PERRONE Eliseo, nato a Partanna, il 27/06/1980;

  • PERRONE Silvestro, nato a Castelvetrano il 11/09/1971;

  • PISCIOTTA Silvestro, nato a Castelvetrano il 09/12/1963;

  • PIZZO Antonio, nato a Castelvetrano il 13/03/1951;

  • RUSSO Giuseppe, nato a Sciacca il 04/03/1951;

  • SAVAGLIO Francesca, nata a Castelvetrano il 19/07/1959;

  • SAVAGLIO Serafina, nata a Cerisano il 07/04/1955;

  • SALVO Vincenzo, nato a Castelvetrano il 15/04/1958;

  • SCIACCA Rosalba, nata a Partanna il 16/12/1962;

  • TORTORICI Michele, nato a Castelvetrano il 16/10/1971;

  • ZINNANTI ANTONINO, nato a Partanna il 02/04/1969;

  • CALANDRINO ANDREA, nato a Castelvetrano il 15/12/1987.

Di seguito invece l’elenco (non esaustivo) di castelvetranesi (nativi o residenti) presenti in altre logge della provincia:

  • MARTINO Mario (loggia “Philadelphion”, Mazara del Vallo”), nato a Castelvetrano il 29/07/1957. Insegnante. MAESTRO VENERABILE;

  • CATALANO Riccardo, (loggia “Philadelphion”, Mazara del Vallo”), nato a Castelvetrano il 19/12/1971. Geometra;

  • ETIOPIA Giovanni Maurizio, (loggia “Philadelphion”, Mazara del Vallo”), nato a Castelvetrano il 29/07/1966. Sindacalista Ugl;

  • LISCIANDRA Francesco, (loggia “Philadelphion”, Mazara del Vallo”), nato a Castelvetrano il 04/07/1971. Architetto;

  • GIANNILIVIGNI Ferdinando (loggia “Cronos 183”, Trapani), nato a Castelvetrano il 29/10/1980. Avvocato;

  • SALVO Vincenzo (loggia “Giordano Bruno”, Salemi), nato a Castelvetrano il 15/04/1958 Avvocato;

  • MAGRO Gaspare (loggia “Giordano Bruno”, Salemi), nato a Caltagirone il 05/06/1965. Commercialista;

  • BERTOLINO Tommaso (loggia “Giordano Bruno”, Salemi), nato a Baden (CH) il 20/10/1965. Architetto;

  • RIZZO Giuseppe (loggia “Giordano Bruno”, Salemi), nato a Palermo il 12/01/1975. Avvocato;

  • PISCIOTTA Silvestro (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 09/12/1963;

  • MONTALBANO Maurizio (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 11/11/1968;

  • GIOIA Giuseppe (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 18/04/1957; Medico presso l’ospedale di Castelvetrano

  • LA CROCE Francesco (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 25/09/1963;

  • INGARGIOLA GIOVANNI (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 03/02/1957;

  • CLEMENTE PIETRO (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 26/06/1965;

  • ITALIA Bellina (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nata a Castelvetrano il 06/01/1979;

  • LA CROCE Bartolomeo (loggia “Garibaldi”, Mazara del Vallo), nato a Castelvetrano il 13/08/1954;

  • GIOIA Giuseppe (loggia “Federico II”, Trapani), nato a Castelvetrano il 18/04/1957; Medico presso l’ospedale di Castelvetrano. MAESTRO VENERABILE;

  • PISCIOTA Silvestro (loggia “Federico II”, Trapani), nato a Castelvetrano il 09/12/1963;

  • CUSENZA Vito (loggia “Pitagora”, Trapani), nato a Castelvetrano il 29/09/1971;

  • CAVARRETTA Gaspare (loggia “Abele Damiani”, Marsala) nato a Castelvetrano il 20/01/1938;

  • ERRANTE Nicolò (loggia Domizio Torrigiani”, Campobello di Mazara), nato a Castelvetrano il 28/03/1949. Pensionato;

  • LEGGIO Silvestro Gaspare (loggia Domizio Torrigiani”, Campobello di Mazara), nato a Castelvetrano il 31/08/1967. Geometra;

  • BARRUZZA Paolo (loggia Domizio Torrigiani”, Campobello di Mazara), nato a Castelvetrano il 18/03/1973. Imprenditore agricolo;

  • VALENTI Calogero (loggia Domizio Torrigiani”, Campobello di Mazara), nato a Castelvetrano il 14/05/1977. Massofisioterapista;

  • DI GANCI Mario (loggia “Valle di Cusa”, Campobello di Mazara), nato a Castelvetrano il 28/08/1970.

L’articolo che segue è tratto da vice.com ed è firmato da Vincenzo Marino

“Un vero e proprio potere parallelo in grado di inquinare l’attività amministrativa e la gestione della cosa pubblica”: è quanto emerso dall’informativa redatta da Questura e Procura di Trapani, i cui passaggi sono stati pubblicati ieri, martedì 31 maggio, dall’edizione palermitana di Repubblica.

Dal report emergerebbe una diffusione pressoché capillare delle logge massoniche – segrete o scoperte – sul territorio trapanese: 19, e di diverse obbedienze, in tutta la provincia, per un totale di 460 iscritti su 400mila abitanti — tra cui boss, membri delle forze dell’ordine, funzionari di prefettura, medici, imprenditori, politici, amministratori.

Ben sei di queste logge sarebbero attive nel territorio di Castelvetrano, il paese d’origine di Matteo Messina Denaro, l’ultimo grande latitante di Cosa Nostra. Il comune siciliano risulta essere quello con più iscritti, in proporzione alla popolazione: c’è la Loggia Italo Letizia 345, la Loggia Demetra, la Loggia Enoch, la Loggia Oriente, la Francisco Ferrer, la Hypsas.

Il dossier nasce anche grazie a una delle numerose indagini trapanesi che sono arrivate a toccare i confini di una loggia locale. Stando agli inquirenti, nella città di Alcamo – per esempio – avrebbe trovato luogo un “comitato d’affari” che avrebbe influenzato scelte e “politiche e amministrative,” col coinvolgimento dell’ex vicesindaco Perricone, ritenuto vicino alla famiglia Melodia. Stesso meccanismo anche per enti come il Centro per l’Impiego, della quale un dirigente regionale, arrestato di recente, sarebbe stato indicato come “fratello” della loggia Myrhiam.

Stando a quanto temuto dalla Procura, il recente e rianimato “condizionamento tentacolare” della vita politica, sociale ed economica da parte di alcuni gruppi di potere farebbe evincere quanto “la massoneria,” in zona, sia tornata a essere “più potente di prima.”

Già in passato, infatti, Trapani è stata una delle ‘capitali’ siciliane della massoneria: in una famosa inchiesta del 1986, furono scoperte – sotto le insegne del circolo culturale Scontrino – sette logge massoniche, composte da 200 iscritti in chiaro e 100 segreti.

L’indagine confluì in un processo che portò a sei condanne: il capo della squadra mobile che coordinò le operazioni, Saverio Montalbano, venne rimosso dopo qualche giorno per “uso improprio dell’auto di servizio.”

Sempre di recente, nello stesso territorio, un’indagine era arrivata a colpire anche l’ex vescovo di Trapani Francesco Miccichè, epurato già nel 2011 da papa Ratzinger. Per lui l’accusa era di appropriazione indebita, stalking e truffa, per un sistema che avrebbe coinvolto i fondi dell’8 per mille e gli appalti per la gestione dei centri di accoglienza dei migranti gestiti da una rete di cooperative ed enti riconducibili alla Curia.

Proprio grazie alle intercettazioni, i pm sono riusciti ad arrivare alla massoneria anche in questo caso: aderenti alla loggia, stando ai pm, sarebbero stati sia il titolare della ditta sia il progettista incaricati – senza alcuna gara d’appalto – della costruzione della nuova chiesa, della canonica e del teatro parrocchiale del centro di Paceco.

L’indagine attuale, coordinata dal procuratore Marcello Viola, mostrerebbe quanto appaia “lecito chiedersi fino a che punto la quotidiana e multiforme attività di enti pubblici non sia subdolamente pilotata dall’influenza di poteri occulti assai più penetranti della purtroppo diffusa logica clientelare, della dilagante corruzione o ancora delle ben note pressioni intimidatorie di chiara matrice mafiosa.”

È sempre dal dossier di questi giorni che si delineerebbe un “clima di tensione, minacce e avvertimenti,” e si farebbero nomi importanti della vita pubblica e politica locale e nazionale. Tra i “fratelli” delle logge di zona – la Iside 2, tra le più note – emerge infatti il nome dell’ex ministro Calogero Mannino, la stessa frequentata da boss mafiosi del calibro di Mariano Agate, Natale L’Ala, Gioacchino Calabrò e Antonino Melodia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...